Scuole italiane: da gov.it a edu.it

Le scuole possono sostituire il nome sotto gov.it con un nome sotto edu.it. (PresseBox) ( Koeln, )
Le scuole italiane - pubbliche o private - possono registrarsi dal settembre 2018 con il dominio .edu.it.

Il registro spiega:

"Dal 20 settembre 2018 tutte le scuole italiane di ogni ordine e grado pubbliche e paritarie potranno registrare il loro nome a dominio edu.it Come è noto Agid ha stabilito (det. n.36 del 12 febbraio 2018) che l'SLD (acronimo di Second Level Domain) gov.it è destinato alle sole amministrazioni centrali dello Stato e che le scuole pubbliche e paritarie italiane potranno registrare il loro nome a dominio nel nuovo SLD edu.it (circolare del Miur prot. 0000544 del 9 marzo 2018)."

L'autorità di registrazione continua:

"Per favorire il più possibile la migrazione di tutti i nomi registrati dalle scuole da gov.it a edu.it. per la durata di un anno (dal 20 settembre 2018 al 19 ottobre 2019) i nomi a dominio delle scuole che avevano già registrato il loro nome con estensione gov.it sono stati riservati nell’SLD edu.it."

Le scuole possono sostituire il nome sotto gov.it con un nome sotto edu.it.

"Provvedendo tempestivamente alla registrazione, si potrà quindi mantenere lo stesso terzo livello del nome (es. il liceomanzoni.gov.it può diventare liceomanzoni.edu.it). Dal 20 ottobre 2019 i nomi non ancora registrati torneranno ad essere disponibili e saranno assegnati secondo l’ordine cronologico di arrivo delle richieste."

Marc Müller

http://www.domainregistry.de/...
Für die oben stehenden Pressemitteilungen, das angezeigte Event bzw. das Stellenangebot sowie für das angezeigte Bild- und Tonmaterial ist allein der jeweils angegebene Herausgeber (siehe Firmeninfo bei Klick auf Bild/Meldungstitel oder Firmeninfo rechte Spalte) verantwortlich. Dieser ist in der Regel auch Urheber der Pressetexte sowie der angehängten Bild-, Ton- und Informationsmaterialien.
Die Nutzung von hier veröffentlichten Informationen zur Eigeninformation und redaktionellen Weiterverarbeitung ist in der Regel kostenfrei. Bitte klären Sie vor einer Weiterverwendung urheberrechtliche Fragen mit dem angegebenen Herausgeber. Bei Veröffentlichung senden Sie bitte ein Belegexemplar an service@pressebox.de.